Stadio Antonino Pio

Home  >>  Stadio Antonino Pio

Stadio Antonino Pio

il rudere stadio antonino pioI cittadini di Pozzuoli dicono spesso che in questa terra basta spostare qualche pietra per trovare antichità che chiedono solo di essere scoperte. Ed è stato più o meno così che si è scoperto lo Stadio Antonino Pio, aperto al pubblico nell’ottobre 2008, dopo che per circa duemila anni era rimasto coperto da terreno e sterpaglia. Lo Stadio fu voluto dall’Imperatore Antonino Pio per organizzare giochi ti tipo olimpico a Pozzuoli, nel luogo in cui ebbe la prima sepoltura il suo predecessore Adriano. I giochi voluti dall’Imperatore erano conosciuti con il nome di Eusebia e si svolgevano nello stadio, grande circa trecento metri per settanta. La struttura divideva l’ingresso per gli atleti da quello Stadio Antonino Pio destinato ai visitatori e come in tutte le costruzioni romane dedicate ai giochi, anche lo Stadio Antonino Pio era diviso in tre parti distinte, ognuna dedicata ad una fascia della popolazione. Nel corso dei secoli lo Stadio è stato modificato e il suo utilizzo è stato a volte parziale, a volte totalmente diverso da quello per cui fu costruito. In seguito all’eruzione del Montenuovo la struttura romana è stata coperta dai detriti, rimanendo coperta per molto tempo. Oggi lo Stadio Antonino Pio è diviso in due metà in seguito alla costruzione della strada statale Domitiana, avvenuta nel 1932, che taglia senza alcun rispetto la grande opera romana.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno × 4 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>